carosi-cinelli

home / Archivio / Fascicolo / Mascherina e potere disciplinare: il datore di lavoro può sanzionare il dipendente che non ..

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


Mascherina e potere disciplinare: il datore di lavoro può sanzionare il dipendente che non la indossa?

Michela Lucchiari, Dottoranda di Diritto del lavoro – Università degli Studi di Padova

Tribunale Venezia, Sez. lav., sentenza 4 giugno 2021

L’imposizione ai lavoratori dell’utilizzo della mascherina non è certo misura irrazionale o eccessivamente gravosa, ma risponde pienamente al dovere datoriale di tutelare al meglio i propri dipendenti.

Il ruolo di RLS ricoperto dal lavoratore rende particolarmente grave la condotta e legittima la sanzione irrogata della sospensione per tre giorni.

1. La vicenda in commento trae origine da un procedimento disciplinare avviato nei confronti di un dipendente con funzione di rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (d’ora in poi anche “RLS”), conclusosi con l’irrogazione di una sanzione conservativa, ovvero la sospensione dal lavoro e dalla retribuzione per tre giorni.

Nello specifico, i fatti contestati al lavoratore, che hanno dato avvio alla suddetta procedura, sono due: in un primo momento, infatti, durante la riunione periodica di cui all’art. 35, d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 egli si è rifiutato di indossare la mascherina protettiva, nonostante l’invito in tal senso da parte del responsabile del servizio di prevenzione e protezione; successivamente, il lavoratore ha affisso alla bacheca aziendale una pec, già precedentemente inviata all’azienda, nella quale contestava «con tono indubbiamente aggressivo e linguaggio del [continua..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio